STATUTO

 DELL’ASSOCIAZIONE INTERREGIONALE FRANTOIANI DEL CENTRO ITALIA

(già Associazione Provinciale Frantoiani)

  sede AREZZO VIA MARGARITONE, 32

(Costituita in Arezzo il  22/09/1945 – Rogito 1953 – notaro Milloni)

COD. FISCALE: 80002400515

 

DISPOSIZIONI GENERALI

 

COSTITUZIONE E SEDE

Art.1 - É costituita l’Associazione Interregionale  Frantoiani, del Centro Italia in sigla A.I.F.C.I. libera associazione  sindacale e  virtuale di categoria.

Essa ha sede in Arezzo Via Margaritone 32  può istituire delegazioni e uffici staccati in altri centri  del territorio italiano;.

   L’Associazione può collaborare e/o aderire ad altre associazioni a carattere Comunitario, Nazionale e/o internazionale di categoria.

SCOPI

Art.2 - L'associazione, che non ha fini di lucro ed è inoltre istituzionalmente apartitica per origine e finalità, associa le imprese e gli imprenditori che svolgono l’attività di molitura delle olive per conto proprio e per conto di terzi, produzione e commercializzazione di olio di oliva e derivati, lavorazioni meccanico agricole, industriali ed affini, svolte sia per conto terzi che per conto proprio e tutte le lavorazioni affini nel settore industriale, artigianale, cooperativo, agricolo e agroalimentare, nonchè  imprese e  imprenditori che operano in agricoltura.

L'Associazione, in particolare:

a)        rappresenta la categoria nella sua evoluzione culturale, economica e produttiva, sviluppa  i rapporti con le istituzioni ed amministrazioni, con le organizzazioni economiche, politiche, sindacali e sociali, sia  nazionali che  comunitarie ed internazionali;

b)        concorre a promuovere con le istituzioni, le organizzazioni economiche, politiche, sindacali, sociali e culturali del Paese e dell’Unione Europea e con similari o sinergiche istituzioni ed organizzazioni in campo internazionale, iniziative  e forme di collaborazione che consentano di perseguire in comune più vaste finalità di progresso e di sviluppo;

c)        promuove, coordina, indirizza e disciplina  l’attività dei soci aderenti; stabilisce i criteri e gli indirizzi da seguire nelle questioni di interesse generale; li assiste nella trattazione, anche a livello legislativo, di problemi di ordine amministrativo, economico, legale, sindacale, sociale, tecnico e tributario; interviene ad assicurare, nell’ambito della categoria, l’armonico contemperamento degli interessi ed il migliore svolgimento dei rapporti;

d)        procede in sede internazionale, nazionale, regionale e/o Provinciale  alla stipulazione di contratti di lavoro ed economici ed assiste gli associati nella trattazione e definizione di controversie di lavoro ed economiche ai fini dell’unità di indirizzo;

e)        promuove ed attua ricerche e studi economici, sociologici e statistici di interesse della categoria, nonché iniziative per la realizzazione di programmi e piani generali di lavoro;

f)        promuove, studia e segue l’elaborazione di leggi e provvedimenti, comunitari, Nazionali, Regionali e Provinciali,  comunque interessanti la categoria;

g)        promuove ed attua iniziative per la formazione professionale delle maestranze e per l’elevazione sociale e culturale delle stesse;

h)        cura le pubbliche relazioni della categoria ed attua ogni opportuna iniziativa di carattere pubblicistico ed editoriale;

i)         favorisce lo sviluppo ed il progresso della categoria e promuove la qualificazione tecnico-professionale e la specializzazione delle imprese anche partecipando direttamente ad organismi costituiti o da costituire allo scopo;

j)         prende accordi, ove ne ravvisi l’opportunità, con altri enti ed organismi, al fine di coordinare iniziative e svolgere azioni in comune;

k)        promuove ed organizza sezioni di settore;

l)         promuove e verifica le soluzioni e le iniziative per realizzare idonee forme di razionalizzazione ed integrazione di funzioni e servizi fra i soci;

m)      provvede alla nomina di propri rappresentanti presso enti, amministrazioni, istituzioni, commissioni ed organizzazioni in genere in cui la partecipazione della categoria rappresentata, sia ritenuta necessaria ed utile al conseguimento dei fini statutari;

n)        compie, in genere, tutti gli atti che in qualsiasi modo, valgano a raggiungere gli scopi sociali;

o)       attua tutte quelle iniziative di carattere tecnico, economico, amministrativo e assistenziale che gli organi sociali avranno regolarmente deliberato.

p)        Promuove e diffonde il consumo dell'olio di oliva;

q)        Realizza anche in collaborazione con altre associazioni, aziende private, Enti Pubblici,  attività di ricerca, istruzione, promozione e formazione ritenute necessarie e/o utili al raggiungimento degli scopi sociali  e per lo sviluppo della filiera dell'olio di oliva:

r)        Promuove iniziative mirate alla salvaguardia  della pianta dell'oliva nel territorio Nazionale Italiano, quale caratteristica  anche paesaggistica e  quale opportunità agrituristica.

s)        Stipula convenzioni con enti pubblici e  privati comunque interessati alla valorizzazione ed al controllo della produzione olivicola,  trasformazione, commercializzazione e conservazione dell'olio di oliva.

t)         Realizza programmi e/o progetti utilizzando leggi e regolamenti comunitari, nazionali, regionali, provinciali e comunali  a beneficio dell'associazione e degli associati;

u)        Promuove e organizza attività culturali, mirate  alla sensibilizzazionhe e divulgazione concernenti la produzione e la valorizzazione dell'olio di oliva, con eventuali partecipazioni a fiere, esposizioni e manifestazioni del settore;

v)        Cura la rilevazione e la divulgazione dei dati e delle informazioni per il miglioramento in collaborazione con i competenti servizi nazionali, regionali, provinciali e comunali, utilizzando strutture pubbliche e private per ricerche di mercato;

w)       Cura la formazione e l'aggiornamento professionale nel settore olivicolo, può promuovere proprie pubblicazioni intese a dibattere i problemi della filiera olivicola, e a divulgare la propria attività  mediante l'utilizzo di qualsiasi strumento atto a raggiungere tale scopo.

x)        Per velocizzare la diffusione di notizie leggi e circolari relative al settore, realizza un portale internet  attraverso il quale diffondere e raccogliere notizie  da tutto il settore agroalimentare e olivicolo in particolare;

y)        Promuove, organizza e realizza qualsiasi attività di utilità sociale direttamente connessa con azioni di tutela e di promozione dell'Olio di Oliva, con particolare riferimento alle Denominazioni di Origine Protette (DOC - DOP - IGP ecc. )

z)        Promuove convegni  fra gli operatori del settore,  in sede comunitaria, nazionale, regionale e Provinciale al fine di favorire la migliore comprensione della normativa  Comunitaria e Nazionale che regola  la filiera olivicola, e per  favorire lo scambio di informazioni e di esperienze  da parte di  frantoiani  che operano in zone territorialmente e geograficamente diverse.

aa)      Promuove e istituisce propri marchi ;

bb)     Assiste i frantoiani per la stipula di contratti di vendita e di fissazione del prezzo dei loro prodotti;

cc)     Può promuovere società e/o acquisire quote di partecipazione in società di qualunque forma giuridica che abbiano lo scopo di valorizzare la produzione olivicola nel suo ciclo completo, dalla molitura alla commercializzazione anche tramite diffusione pubblicitaria del prodotto. L' A.I.F.C.I.  parteciperà a queste società  delegando i propri rappresentanti  con delibera del Consiglio di Amministrazione.  Gli eventuali utili derivanti da queste partecipazioni, verranno finalizzati ad azioni promozionali  dell'olio  di oliva italiano.

Per il raggiungimento degli scopi sociali, l’Associazione può inoltre intraprendere altre iniziative, come quelle di seguito indicate a titolo esemplificativo e non esaustivo:

1.        dar vita, partecipare o contribuire a fondazioni ad istituzioni specializzate o ad altri organismi di qualsiasi natura;

2.        istituire collegi di conciliazione o di arbitrato intesi a dirimere conflitti di interesse tra gli associati;

3.        sottoscrivere e detenere quote di partecipazione a società, consorzi ed enti vari.

 

ASSOCIATI

 

IMPRESE ASSOCIATE

Art.3 - Possono associarsi all’Associazione Interregionale Frantoiani del Centro Italia:

1)    le singole imprese, sotto qualsiasi forma costituite e gli imprenditori che svolgono l’attività di Molitura Olive per conto Proprio e Terzi, produzione e commercializzazione di olio di oliva e derivati, lavorazioni meccanico agricole, Lavorazioni  industriali ed affini, svolte sia per conto terzi, che per conto proprio, nonché imprese e imprenditori che operano in agricoltura anche se aderenti ad altre associazioni di categoria del settore olivicolo.

2)    Ogni altra struttura organizzativa, in qualsiasi forma costituita, che non persegua finalità in contrasto con gli scopi di cui all' art. 2 anche se aderente o facente parte di altre organizzazioni di categoria;

3)    Le Associazioni territoriali che perseguano finalità analoghe o compatibili con quelle dell'A.I.F.C.I.;

4)    Le sezioni di associazioni territoriali  di altre organizzazioni di categoria  (sez. Frantoiani della Confartigianato, Confindustria, confagricoltura, coldiretti ecc).

 

Tenuto conto dell’assetto organizzativo, possono aderire alla Associazione anche imprese sotto qualsiasi forma costituite, imprenditori e persone fisiche, sempre che non perseguano finalità in contrasto con gli scopi di cui all’art.2 del presente statuto, che de­siderino avvalersi dell'opera assistenziale e dei servizi che normalmente l'Associazione disim­pegna.

L'iscrizione puo'  essere richiesta come:

A)     socio sostenitore;

B)     socio ordinario;

C)     socio affiliato;

            La divisione dei soci nelle suddette categorie, non implica differenze di partecipazione alla vita associativa. Ciascun socio ha diritto di partecipare effettivamente alla vita dell'associazione. Tutti i soci hanno diritto all'elettorato attivo e passivo. In particolare tutti i soci hanno diritto di voto per l'approvazione e le modificazioni dello statuto e per la nomina degli organi direttivi dell'associazione.

 

            Il Consiglio di amministrazione,  stabilisce  la  diversificazione del contributo associativo e dei servizi per le sopraindicate categorie di soci.

 

DOMANDA DI AMMISSIONE

Art.4 - La domanda di ammissione a socio deve essere sottoscritta dal titolare o legale rappresentante dell’impresa e deve contenere il tipo di ammissione richiesta ( socio sostenitore, socio ordinario, socio affiliato),  l’indicazione dei suoi legali rappresentanti, la natura dell’attività esercitata, la sede e devono essere corredate da tutte quelle indicazioni che verranno richieste dal Consiglio di Amministrazione della Associazione in relazione alla tipologia del socio che chiede l'ammissione.

La posizione di socio non è trasmissibile né a titolo universale, né a titolo particolare, tanto oneroso che gratuito. Tale posizione, inoltre, non dà diritto al possesso di quote associative; non è comunque assoggettabile a valutazione  e/o  rivalutazione patrimoniale.

              

La domanda di ammissione deve essere accompagnata da una dichiarazione di accettazione delle norme del presente statuto, di impegno al pagamento di tutti i contributi che verranno deliberati a norma dello statuto stesso, di osservanza scrupolosa della disciplina associativa, nonché di tutte quelle disposizioni e norme che saranno deliberate dagli organi sociali.

 

 

AMMISSIONE

Art.5 - Dell’ammissione a far parte della Associazione, decide il Consiglio di Amministrazione a maggioranza assoluta di voti.

   La relativa delibera deve essere notificata al richiedente mediante lettera raccomandata o altro mezzo equivalente.

 

DURATA DEL RAPPORTO ASSOCIATIVO

Art.6 – Il rapporto associativo, una volta approvata l’adesione da parte del Consiglio di Amministrazione, si intende costituito a tempo indeterminato e comunque per un periodo minimo di tre anni. L’adesione, pertanto, non può essere disposta per un periodo temporaneo.

L'iscrizione di ogni azienda o organizzazione, comporta l'impegno a mantenere il vincolo associativo  per almeno un triennio,  al  termine del quale, l'iscrizione si intende tacitamente rinnovata per un altro anno,  in assenza di dimissioni o recesso,  comunicato per iscritto alla sede dell'associazione; e così di anno in anno.

   Il socio potrà comunque recedere anche nel corso del primo triennio a seguito di  cessione di azienda, cessazione dell'attività, variazioni consistenti  del contributo associativo deliberate dal Consiglio di Amministrazione.  Si considerano variazioni consistenti quelle che aumentano il contributo associativo  in essere al momento dell'iscrizione  di oltre il 50%. Il socio potrà recedere nel corso del primo triennio per tutte quelle cause non dipendenti dalla propria volontà.

 

DIRITTI DEGLI ASSOCIATI

Art.7 - L’esercizio dei diritti associativi spetta ai soci regolarmente iscritti ed in regola con il versamento dei contributi sociali.

 

OBBLIGHI DEGLI ASSOCIATI

Art.8 - I soci sono tenuti all’osservanza scrupolosa e leale degli obblighi derivanti dal presente statuto e dalla disciplina associativa, ivi compreso il versamento dei contributi associativi stabiliti dal Consiglio di Amministrazione.

    Essi si obbligano all’osservanza delle disposizioni e delle istruzioni impartite dalla Associazione ed in particolare al pieno rispetto dei contratti e delle regolamentazioni collettive di lavoro, stipulati dall’Associazione e/o dalla struttura comunitaria e/o Nazionale con la quale L'A.I.F.C.I. collabora o aderisce.

   I soci sono tenuti a fornire alla Associazione tutti gli elementi, notizie e dati che siano ad essi richiesti ai fini contributivi, statistici e quant’altro utile per la valorizzazione del grado di rappresentanza della categoria.

  Nei casi di inosservanza di uno o più degli obblighi statutari   il consiglio ha facoltà di decidere nei confronti del socio:

a)    la diffida;

b)    la sospensione delle prestazioni istituzionali dell'A.I.F.C.I.;

c)    la sospensione del diritto di voto;

d)    l'esclusione dall' A.I.F.C.I.;

    Le sanzioni di cui alle lettere b) e c)  possono essere comminate dal Consiglio in alternativa o cumulativamente, in relazione alla gravità dell'inosservanza accertata.

    Le deliberazioni  prese dal Consiglio,   devono essere notificate ai soci oggetto delle stesse a mezzo lettera raccomandata  o mezzo equipollente entro 10 giorni dalla loro adozione.

    I soci non nin regola con il pagamento dei contributi associativi, non hanno diritto di voto in assemblea, fino a quando non abbiano regolarizzato la propria posizione contributiva.  La constatazione dell'inadempienza avviene a cura del consiglio.

 

CESSAZIONE DEL RAPPORTO ASSOCIATIVO

Art.9 - La qualità di socio si perde:

a)        per dimissioni, da presentarsi con lettera raccomandata o altro mezzo equivalente che deve pervenire alla Associazione entro il 30 giugno, con effetto dal 1° gennaio dell’anno successivo;

b)        per cessazione dell’attività esercitata;

c)        per espulsione motivata da inadempienze o da comportamenti non conformi agli obblighi di cui all’art.8.

 

 

ORGANI E UFFICI DELL'ASSOCIAZIONE

ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Art.10 - Sono organi dell'Associazione:

a)        l'Assemblea generale dei Soci;

b)        il Consiglio di Amministrazione;

c)        il Presidente;

d)        il Collegio dei Revisori dei Conti.

 

ASSEMBLEA GENERALE

Art.11 – L’Assemblea generale dell’Associazione è composta da tutti i soci dell’Associazione che potranno intervenire direttamente o tramite delega ad altro socio.

   In ogni caso il portatore di tale delega non può rappresentare più di un associato.

Ogni socio partecipante all’Assemblea ha diritto ad un voto.

   L’Assemblea è convocata, in via ordinaria, almeno una volta all’anno entro il mese di giugno ed in via straordinaria ogni qualvolta il Consiglio di Amministrazione lo ritenga opportuno; si riunisce anche a richiesta di almeno 1/3 degli associati.

   L’Assemblea è presieduta dal Presidente dell’Associazione ed in sua assenza od impedimento dal Vice Presidente o dal Consigliere in ordine di anzianità di età.

   Le deliberazioni prese in Assemblea, in conformità del presente statuto, obbligano tutti gli associati, anche non intervenuti.

   Le deliberazioni dell’Assemblea sono fatte risultare da verbale sottoscritto dal Presidente e dal Direttore dell’Associazione, che funge da segretario.

 

CONVOCAZIONE E DELIBERAZIONI DELL’ASSEMBLEA

Art.12 - L’Assemblea generale è convocata con lettera spedita al domicilio degli associati, almeno otto giorni prima della data di convocazione.

Nella lettera di convocazione devono essere indicati il luogo, la data, l’ora della prima ed eventualmente della seconda convocazione e l’ordine del giorno della riunione, predisposto dal Consiglio di Amministrazione.

L’Assemblea è valida in prima convocazione quando sia presente la maggioranza dei voti spettanti agli associati ed in seconda convocazione qualunque sia il numero dei voti rappresentati.

Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta di voti, mediante votazione palese o segreta col sistema che verrà di volta in volta stabilito dall’Assemblea su proposta del Presidente.

   Qualora all’ordine del giorno siano poste modifiche statutarie o lo scioglimento della Associazione, l’Assemblea dovrà ritenersi validamente costituita anche in seconda convocazione quando siano presenti, rispettivamente, almeno un terzo o la metà degli associati.

 

ATTRIBUZIONI DELL’ASSEMBLEA

Art.13 - Spetta all’Assemblea:

a)        l’elezione dei membri del Consiglio di Amministrazione e del Presidente;

b)        l’elezione del Presidente e dei membri effettivi e supplenti del Collegio dei Revisori dei Conti;

c)        l’approvazione degli indirizzi generali e del programma di attività dell’Associazione;

d)        l’approvazione del bilancio consuntivo;

e)        l’esame delle istanze ad essa dirette, anche relative a delibere assunte degli altri organi istituzionali e le relative decisioni;

f)        le modificazioni dello statuto;

g)        lo scioglimento dell’Associazione e la nomina dei liquidatori. 

 

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COSTITUZIONE – DURATA -  FUNZIONAMENTO

Art.14 - Il Consiglio di Amministrazione è composto da 3 a 5 membri  eletti dall’Assemblea e scelti tra i titolari, coadiuvanti o soci delle ditte o società associate. Possono essere eletti dall’Assemblea e far parte del Consiglio di amministrazione, compresi nel numero di cui sopra, n° 2  persone non socie di provata capacità tecnica, amministrativa e sindacale, particolarmente esperte. Non possono ricoprire la carica di consigliere dell’Associazione Interregionale Frantoiani del Centro Italia, persone  che ricoprano incarichi in associazioni sindacali in concorrenza e/o in contrasto  con l’Associazione Interregionale  Frantoiani, ,  e/o con l’associazione Nazionale e/o internazionale a cui l’associazione aderisce.

Le norme per la designazione dei candidati a membri del Consiglio di Amministrazione, saranno stabilite con apposito Regolamento approvato dal Consiglio di Amministrazione.

Il Consiglio di Amministrazione dura in carica quattro anni e i suoi membri sono rieleggibili.

I membri del Consiglio di Amministrazione non hanno diritto ad alcun compenso.

In caso di cessazione dei membri del Consiglio di Amministrazione, essi saranno sostituiti con altri che dureranno in carica per lo stesso residuo periodo durante il quale sarebbero rimasti in carica i consiglieri cessati, mediante cooptazione fra i primi dei non eletti.

Qualora, per qualsiasi motivo, venga meno la maggioranza dei consiglieri, l’intero Consiglio di Amministrazione si intende decaduto; entro i successivi trenta giorni sarà convocata l’Assemblea per le decisioni conseguenti.

Alle riunioni del Consiglio di Amministrazione partecipano di diritto, con facoltà di parola ma senza diritto di voto, i Revisori dei Conti ed il Direttore dell’Associazione; partecipano inoltre, ove espressamente invitati dal Presidente e comunque senza diritto di voto, persone di particolare competenza su determinati argomenti posti all’ordine del giorno.

Ogni consigliere ha diritto ad un voto.

Il Consiglio di Amministrazione è validamente costituito quando siano presenti almeno la metà dei suoi membri; le deliberazioni del Consiglio di Amministrazione sono assunte con il voto favorevole della maggioranza dei presenti; in caso di parità di voti prevale il voto di chi presiede la riunione.

Quando si tratti di decisioni ri­guardanti la nomina del Presidente e del Vice Presidente, la nomina e la revoca del Direttore, ovvero di proposte circa le modifiche allo Statuto, occorre la pre­senza di almeno i 3/4 dei Consiglieri in carica.

I sistemi di votazione sono stabiliti da chi presiede la riunione ad eccezione per quanto concerne le elezioni, le nomine e le deliberazioni relative a persone, nel qual caso si procede secondo le deliberazioni prese di volta in volta dal Consiglio di Amministrazione.

 

RIUNIONI

Art.15 – Il Consiglio di Amministrazione si riunisce ordinariamente almeno due volte all’anno ed ogni qual volta lo disponga il Presidente, ovvero ne faccia richiesta il Collegio dei Revisori dei Conti o almeno un terzo dei membri del Consiglio stesso.

Il Consiglio di Amministrazione è convocato dal Presidente con lettera spedita almeno sei giorni prima della data fissata per la riunione.

L’avviso di convocazione deve contenere:

a)      l’indicazione del luogo, del giorno e dell’ora della riunione;

b)      gli argomenti posti all’ordine del giorno.

In caso di urgenza la convocazione può essere fatta telegraficamente o con mezzo equivalente, con preavviso di almeno due giorni.

Le adunanze del Consiglio sono presiedute dal Presidente o, in caso di sua assenza o impedimento, dal Vice Presidente; in mancanza di questi, su designazione dei presenti, da un altro membro del Consiglio.

Le deliberazioni del Consiglio di Amministrazione sono fatte constatare da verbale sottoscritto dal Presidente e dal segretario della riunione, che viene designato di volta in volta dal Consiglio di Amministrazione;

 

ATTRIBUZIONE E COMPITI

Art.16 - Al Consiglio di Amministrazione sono attribuite, oltre a quanto espressamente previsto dai singoli articoli dello statuto, le seguenti funzioni:

a)        l’elezione, fra i propri membri, nel caso in cui non  vi abbia provveduto l’assemblea, del Presidente;

b)        la nomina e la revoca del Direttore;

c)        la nomina e la revoca del personale impiegatizio dell’Associazione fissandone le retribuzioni e  le mansioni;

d)        la stesura di un Regolamento Interno per l’andamento tecnico-amministrativo dell’Associazione;

e)        la gestione dell’Associazione in ogni suo aspetto secondo gli indirizzi delineati dall’Assemblea ed in particolare il compimento di atti di amministrazione ordinaria e straordinaria;

f)        la determinazione dei contributi associativi;

g)        la predisposizione del bilancio consuntivo annuale da sottoporre al voto assembleare;

h)        la delibera sull’ammissione ed espulsione degli associati;

i)         la delibera su tutte le questioni non riservate dal presente statuto all’Assemblea dei soci.

Rimane in facoltà del Consiglio di Amministrazione istituire al suo interno una Giunta composta dal Presidente, dal Vice Presidente e da tre membri del Consiglio di Amministrazione.

Questo organismo potrà esercitare, in caso di urgenza, tutti i poteri di competenza del Consiglio di Amministrazione, salva poi la necessità della ratifica, ed altresì quelle specifiche competenze che il Consiglio di Amministrazione riterrà di volta in volta, di attribuirle.

 
IL PRESIDENTE

Art.17 - Il Presidente dell’Associazione è eletto direttamente dall’assemblea o nel caso in cui questa non provveda, dal Consiglio di Amministrazione, dura in carica quattro anni ed è rieleggibile.

Il Presidente ha, a tutti gli effetti, la rappresentanza legale della Associazione nei confronti dei terzi ed in giudizio.

Il Presidente:

1)       convoca l’Assemblea, il Consiglio di Amministrazione e la Giunta, ne presiede le riunioni e provvede per l’attuazione delle relative decisioni;

2)       sorveglia il buon andamento amministrativo dell’Associazione ed è responsabile della predisposizione del bilancio consuntivo;

3)       ha la firma sociale che potrà delegare, al Vice Presidente, a membri del Consiglio di Amministrazione o al Direttore;

4)       compie tutte le operazioni amministrative e finanziarie necessarie per il funzionamento dell’Associazione ed il conseguimento dei fini statutari;

5)       sottoscrive tutti gli atti amministrativi da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea;

6)       può delegare, per la rappresentanza dell’Associazione presso terzi, il Vice Presidente, membri del Consiglio di Amministrazione o il Direttore, in funzione delle specifiche capacità che il ruolo da ricoprire richiede.

VICE PRESIDENTE

Art.18 - Il Vice Presidente dell’Associazione è eletto dal Consiglio di Amministrazione, su proposta del Presidente,  dura in carica quattro anni ed è rieleggibile.

   Il Vice Presidente ha funzioni vicarie e quindi, sostituisce il Presidente in ogni sua attribuzione ogni qualvolta questi sia impedito all’esercizio delle proprie funzioni o gli conferisca apposita delega.

   Il solo intervento del Vice Presidente costituisce, per i terzi, prova dell’impedimento del Presidente.

 

COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

COSTITUZIONE - DURATA - FUNZIONAMENTO

Art.19 - Il collegio dei Revisori dei Conti è composto dal Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti, da due membri effettivi e da due supplenti; questi ultimi subentrano in ogni caso di cessazione dei  membri effettivi, con priorità in ordine di età anagrafica.

Il Collegio dei Revisori dei Conti è eletto dall’Assemblea, su proposta del Consiglio di Amministrazione.

Alla carica di Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti può essere eletta persona esterna all’Associazione.

La carica di Revisore dei Conti è incompatibile con qualunque altra carica sociale in seno all’Associazione.

Il Collegio dei Revisori dei Conti dura in carica quattro anni e i suoi membri sono rieleggibili.

I Revisori dei conti, anche individualmente, hanno la facoltà di prendere visione in qualsiasi momento dei libri contabili e di operare controlli di cassa.

I Revisori dei Conti partecipano di diritto alle riunioni dell’Assemblea e del Consiglio di Amministrazione.

La carica dei Revisori dei Conti non è retribuita, ad eccezione del Presidente, qualora questi sia persona esterna all’Associazione.

 

 

ATTRIBUZIONI E COMPITI

 

Art.20 - I Revisori dei Conti hanno il compito di :

a)      curare la tenuta del Libro delle adunanze dei Revisori dei Conti;

b)      verificare la regolare tenuta della contabilità dell’Associazione e dei relativi libri;

c)      dare pareri sul Bilancio.

 

DELEGAZIONI ED UFFICI PERIFERICI

 

Art.21 - Le delegazioni e gli uffici staccati della Associazione, costituiti ai sensi dell’art.1 del presente statuto, hanno lo scopo di rappresentare in luogo l’Associazione e di adempiere le funzioni esercitando localmente l’opera di tutela e di assistenza degli associati.

 

DIREZIONE DELL’ASSOCIAZIONE

 

Art.22 - Alla direzione degli uffici dell’Associazione, qualora non possa provvedervi direttamente il Presidente,  compatibilmente con il bilancio dell’associazione,  è preposto un Direttore, nominato dal Presidente del Consiglio di Amministrazione..

Il Direttore provvede all’esecuzione delle deliberazioni degli organi sociali e all’organizzazione ed alla direzione degli uffici e dei servizi dell’Associazione, del cui funzionamento risponde al Presidente.

Il personale dell’Associazione dipende disciplinarmente dal Presidente e/o dal Direttore..

Il Direttore può intervenire con parere consultivo alle riunioni di tutti gli Organi, previsti dal presente statuto.

 

PATRIMONIO SOCIALE

PATRIMONIO DELL’ASSOCIAZIONE

Art.23 -  Il patrimonio sociale è costituito dai beni mobili ed immobili e dai valori che comunque pervengono all’Associazione a qualsiasi titolo, nonché dai proventi delle quote associative e da eventuali eccedenze di attività derivanti dalle gestioni annuali, dalle elargizioni o dai contributi da parte di enti pubblici, privati, consorzi, persone fisiche o società sotto qualsiasi forma costituite.

  L'adesione alla Associazione non comporta obblighi di finanziamento o di esborso ulteriori rispetto al versamento dei contributi associativi annui.

  E' comunque facoltà degli aderenti alla Associazione di effettuare versamenti ulteriori rispetto a quelli annuali.

  I versamenti al fondo comune possono essere di qualsiasi entità fatti salvi i versamenti dei contributi annuali e sono comunque a fondo perduto; i versamenti non sono quindi rivalutabili ne rimborsabili in nessun caso e pertanto, nemmeno in caso di scioglimento dell’Associazione né in caso di morte, di estinzione, di recesso o di esclusione dall’Associazione può farsi luogo alla richiesta del rimborso di quanto versato.

  Il versamento non crea altri diritti di partecipazione e segnatamente, non crea quote indivise di partecipazione trasmissibili a terzi, né per successione a titolo particolare né per successione a titolo universale, né per atto tra vivi né a causa di morte.

  L'Associazione può emettere titoli di solidarietà.

 

ESERCIZIO FINANZIARIO

Art.24 - L’esercizio finanziario dell’Associazione va dal 1° gennaio al 31 dicembre  di ogni anno.

 Alla fine di ogni esercizio deve essere compilato il bilancio economico e la situazione patrimoniale da presentarsi, entro i sei mesi successivi, all’Assemblea generale, con la relazione del Consiglio di Amministrazione e dei Revisori dei Conti.

 

AVANZI DI GESTIONE

Art.25 - L’Associazione ha l’obbligo di impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse o di accantonarli a patrimonio sociale.

All’Associazione è vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione comunque denominati, nonché fondi riserve o capitale durante la vita dell’Associazione stessa, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale che per legge, statuto o regolamento facciano parte della medesima e unitaria struttura.

 

NORME FINALI

SCIOGLIMENTO E LIQUIDAZIONE

Art.26 – L’Assemblea, che abbia con la maggioranza di cui all’art.13 del presente statuto, deliberato lo scioglimento della Associazione, provvederà alla sua messa in liquidazione nominando un collegio di liquidatori composto da almeno due membri, anche non soci, determinandone i poteri ed i compensi.

L’Associazione ha l’obbligo di devolvere il suo patrimonio ad altre organizzazioni non lucrative o a fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui al comma 190, art.3, della legge 23 dicembre 1996 n. 662, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

CLAUSOLA ARBITRALE

Art.27 - Qualunque controversia sorgesse in dipendenza della esecuzione o interpretazione del presente statuto e che possa formare oggetto di compromesso, sarà rimessa al giudizio di un arbitro amichevole compositore che giudicherà secondo equità e senza formalità di procedura, dando luogo ad un arbitrato irrituale.

L’Arbitro sarà scelto di comune accordo dalle parti contendenti; in mancanza di accordo alla nomina dell’arbitro si farà ricorso al Presidente del Tribunale di Arezzo .

LEGGI APPLICABILI

Art.28 - Per tutto quanto non previsto dal presente statuto si rinvia alle norme del Codice Civile ed alle vigenti norme speciali.

Per disciplinare ciò che non sia previsto nel presente Statuto, si deve far riferimento alle norme in materia di Enti contenute nel libro I del Codice civile e in subordine, alle norme contenute nel libro V del Codice civile.

 

 



Home Page Menu' Principale Scriveteci